Il progetto di Giorgio e Michele

Michele
Giorgio

Vi racconto, dietro ad una semplice intervista, la storia di due nomadi digitali “Giorgio e Michele” che hanno dato alla  luce il loro progetto,” Easy Travel Hosting”.  Un progetto creato nel 2019 mescolando la loro passione per il viaggio e per i blog. 
Per acquistare i loro servizi e creare il tuo sito ecologico clicca qui —> “Easy Travel Hosting”    

Easy Travel Hosting…  

 

Ciao Ragazzi… Cosa vi ha spinto a creare questo progetto?

Allora, molto sinceramente, tutti dobbiamo mangiare! Ma visto che siamo viaggiatori, siamo sempre a contatto con l’inquinamento. Cerchiamo di fare qualcosa, e visto che internet è il nostro mezzo di sostentamento, cerchiamo di far diventare il nostro lavoro ecologico e di pulire un pochino Internet.

 

La vostra passione per il viaggio dov’è nata ?

La passione per i viaggi è sbocciata in modo naturale, senza tanti pensieri. Ogni volta che si tornava da un viaggio era automatico pensare a quello successivo. Lasciare l’Italia è stato facile, naturale.

 

Il vostro passaporto di quale paesi è timbrato?

Siamo stati in tanti posti, te ne dico un po. Giappone Guatemala, US, Vietnam, Laos, Cambogia, Turchia, India, Indonesia poi l’Europa un po tutta, abbiamo vissuto in Inghilterra e Olanda.

 

Una domanda a Giorgio… Scambiandoci i primi messaggi su Facebook, mi hai scritto che sei di origini del Guatemala.  Cosa ti ha colpito delle tue origini?  Cosa hai provato a vivere questo meraviglioso paese in prima persona?

È la seconda volta che torno in Guatemala. Questa volta ci starò 6 mesi. È un paese meraviglioso, poco conosciuto. Solitamente i turisti vedono sempre le stesse cose qui, ma con la mia ragazza vogliamo esplorare i luoghi più remoti, stare in mezzo al mio popolo, mangiare quello che mangiano loro. Stare qui mi rivitalizza, mi da idee, ispirazione. Magari un giorno faremo del Guatemala la nostra base. Le persone sono felici, sorridenti, generose. Sono molto più povere di noi europei, ma hanno una ricchezza che da noi è persa da tempo.

 

Che consiglio volete dare a chi vorrebbe intraprendere un percorso da nomade digitale? ( Risponde Giorgio )

Diciamo che il “digitale” arriva dopo l’essere nomade. Almeno per me. Ad un certo punto della mia vita ho capito che non potevo rientrare in una routine, ma non avevo delle competenze particolari che mi potessero sostenere mentre viaggiavo. Allora ho iniziato a studiare e studiare, e lo sto ancora facendo. Quello che mi aiuta e’ il saper parlare con la gente, essere genuinamente interessato alle storie delle persone, mi piace chiacchierarci, e questo e’ un ottimo presupposto per il marketing, cosa di cui mi occupo principalmente all’interno della compagnia.

E per chi vuole viaggiare?

Per chi vuole viaggiare, esistono due categorie di viaggio, quello da turista e quello da viaggiatore. E’ una differenza sostanziale. Chi compra una vacanza sostanzialmente e’ come se non si muovesse dal proprio divano. Chi invece parte dopo tante ricerche, dopo aver viaggiato nel luogo prima con la mente, chi va alla ricerca dei luoghi più inesplorati, mangia cucina locale, allora si può’ definire viaggiatore. Non esiste un modo giusto o sbagliato di viaggiare, dipende cosa si cerca, ma soprattutto cosa si sente.

Madre Terra ha bisogno del nostro amore, ha bisogno che cambiamo le nostre abitudini, ha bisogno di rispetto. Non rimandiamo un’altro giorno, andiamo verso il cambiamento e non rimaniamo fermi nell’indifferenza. Se vogliamo guarire il nostro pianeta dobbiamo prima cambiare dentro di noi. Facciamolo ora, facciamolo adesso, facciamolo insieme.

clicca qui per visitare il loro sito —-> Easy Travel Hosting e per qualsiasi altre info contattateli qui —-> info@easytravelhosting.com

Commenti Facebook
Author